La matematica applicata alle scommesse | Scommesse Vincenti
269
post-template-default,single,single-post,postid-269,single-format-gallery,cookies-not-set,wc-shortcodes-font-awesome-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

La matematica applicata alle scommesse

Qual’è la differenza fra il giocare alle scommesse e il giocare alla roulette? Che alla roulette, qualsiasi sistema si cerchi di applicare, il banco avrà SEMPRE il vantaggio matematico. E questo perchè, puntando 1 numero questo avrà 1 possibilità su 37 di uscire (calcolo matematico e non confutabile) mentre il banco pagherà solo 36 volte la posta!
Nelle scommesse, in effetti, il discorso è simile. Il banco calcola le percentuali di uscita di un risultato e decide la quota non sulla base della reale possibilità di vincita ma togliendo il suo ‘agio’.

Facciamo un esempio con le quote di una partita:

1 X 2
2,00 3,16 4,34

 

Sulla base di queste quote, si evince che il bookmaker abbia attribuito ai 3 segni le seguenti percentuali di uscita:

1 X 2
48% 30% 22%

 

Ma sulla base di queste percentuali di uscita dei 3 segni, le quote ‘corrette’ avrebbero dovuto essere queste:

1 X 2
2,09 3,31 4,54

 

Ecco che il bookmaker ha applicato una % di guadagno pari a circa il 4,50%, che sta a significare che noi stiamo scommettendo non alla pari.

Ma, a differenza della roulette, le percentuali di uscita di un segno non sono stabilite dalla matematica, non sono fisse ed inconfutabili, ed inoltre risentono anche di fattori esterni quali voci di formazioni o infortuni. Infine, delle forti puntate su di un segno, producono la repentina discesa di quella quota con la conseguente risalita delle altre 2.

Ed è proprio per questo motivo che quel 4,50% di vantaggio del banco puà essere annullato e trasferito a nostro favore.  

Questo è il lavoro del bravo scommettitore, analizzare le quote, verificare le variazioni e puntare su quelle partite le cui percentuali di uscita stabilite dal bookmaker sono più basse rispetto a quelle reali. Questo non significa che si vince sempre, se si hanno 50% di probabilità di centrare un pronostico, non si potrà mai arrivare a più del 60%/65% di vincite, ma grazie ad un attenta gestione del budget e ad una prudente progressione, alla fine si può davvero guadagnare con le scommesse sportive!  

No Comments

Post A Comment